Lessico easyvote

(immigrazione da) Stato terzo

Gli stati che non sono membri dell'UE o dell'AELS, in Svizzera sono chiamati Stati terzi. Per le persone provenienti da Stati terzi, al momento d'immigrazione in Svizzera si applicano norme diverse da quelle previste per le persone provenienti dagli Stati membri dell'UE/AELS. Le condizioni per poter lavorare e vivere in Svizzera sono più severe per cittadini e cittadine di Stati terzi.

Solo delle persone qualificate provenienti da Stati terzi sono autorizzate a lavorare in Svizzera. Ciò significa che devono avere una buona formazione o molti anni di esperienza professionale. Inoltre, le persone provenienti da Stati terzi possono essere assunte solo se per il posto di lavoro in questione non è stata trovata alcuna persona che vive già in Svizzera o proviene da un paese dell'UE/AELS. Inoltre, esiste un limite massimo annuale (quote). Ciò significa che in un anno solo un certo numero di persone provenienti da Stati terzi può immigrare in Svizzera.

Accordi bilaterali I

Gli Accordi bilaterali I sono in vigore dal 2002 e consistono in sette accordi individuali che insieme formano un pacchetto di accordi. Quando un accordo dei Bilaterali I viene denunciato, tutti i contratti dei Bilaterali I vengono quindi risolti (questa è chiamata “clausola ghigliottina”). Gli Accordi bilaterali I consentono alla Svizzera di accedere al mercato interno dell'UE in determinati settori. Uno degli Accordi bilaterali I, ad esempio, è la libera circolazione delle persone. Esso stabilisce che i lavoratori sono fondamentalmente liberi di scegliere dove vogliono lavorare e vivere in Svizzera o nell'UE. Altri trattati degli Accordi bilaterali I riguardano, tra l'altro, la ricerca e l'agricoltura.

Accordi bilaterali II

Gli Accordi bilaterali II sono in vigore dal 2005 e sono costituiti da nove trattati individuali, di cui ad esempio l'accordo di Schengen, che abolisce i controlli alle frontiere tra gli Stati membri dell'UE e la Svizzera. Ciò significa che i cittadini svizzeri/le cittadine svizzere possono recarsi in Francia, ad esempio, senza controlli alle frontiere. Lo stesso vale per i cittadini e le cittadine dell'UE che si recano in Svizzera. Altri trattati degli Accordi bilaterali II riguardano questioni quali i media, l'istruzione e l'ambiente. Le relazioni tra la Svizzera e l'UE sono oggetto di continue discussioni. Anche il popolo svizzero ha potuto votare più volte su questo argomento.

Accordo di Dublino

La Svizzera è membro dell'Accordo di Dublino, un trattato tra gli Stati membri dell'UE, la Svizzera, la Norvegia e il Liechtenstein. L'Accordo di Dublino fa parte degli Accordi bilaterali II e regola la cooperazione tra gli stati in materia di asilo.

L'Accordo di Dublino stabilisce che il paese responsabile della procedura di asilo è il paese in cui il/la richiedente asilo ha per primo presentato/a una domanda di asilo. Non è possibile presentare una domanda di asilo in un secondo Stato Dublino.

Se, ad esempio, una persona presenta una domanda d'asilo in Svizzera, la Svizzera controlla nella banca dati comune se la persona ha già presentato una domanda in un altro Stato Dublino. Se la persona non ha ancora presentato una domanda, la Svizzera è responsabile della procedura d'asilo. Se la persona ha già presentato una domanda in un altro Stato Dublino, l'altro Stato è responsabile della procedura di asilo.

Accordo di Schengen

L'Accordo di Schengen fa parte degli Accordi bilaterali II. La Svizzera fa parte dello spazio Schengen dal 2008. Lo spazio Schengen comprende i paesi dell'UE e la Norvegia, l'Islanda e la Svizzera. L'Irlanda e il Regno Unito sono eccezioni; non hanno aderito allo spazio Schengen. Con l'accordo di Schengen, i turisti possono viaggiare all'interno dell'UE e in Norvegia, Islanda e Svizzera senza controllo dei passaporti. Inoltre, quest’accordo contribuisce a migliorare la cooperazione giudiziaria e di polizia tra questi paesi.

Amministrazione cantonale

L'Amministrazione cantonale sostiene il governo (il Consiglio di Stato) affinché possa svolgere i suoi compiti. Prepara le leggi e le prescrizioni ed è responsabile della loro applicazione e attuazione. L'Amministrazione cantonale è suddivisa in diversi dipartimenti. Il Consiglio di Stato dirige l'Amministrazione cantonale.

Amministrazione federale

L'Amministrazione federale sostiene il governo (il Consiglio federale) affinché possa svolgere i suoi compiti. L'Amministrazione federale prepara leggi e ordinanze. È inoltre responsabile dell'applicazione e dell'attuazione di leggi e ordinanze. L'Amministrazione federale è suddivisa nei vari dipartimenti. Il Consiglio federale dirige l'Amministrazione federale.

Assemblea federale

L'Assemblea federale è il parlamento (potere legislativo) della Svizzera. Si compone di due camere: il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati. Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati fanno e decidono sulle leggi.

Se le due camere si riuniscono insieme (ad es. per l'elezione del Consiglio federale), si parla dell’Assemblea federale plenaria.

Associazione europea di libero scambio (AELS)

L'AELS è un'organizzazione interstatale con quattro membri: Islanda, Liechtenstein, Norvegia e Svizzera. L'obiettivo dell'AELS è il libero scambio e la cooperazione economica tra gli Stati membri. Tuttavia, l'organizzazione ha accordi di libero scambio con altre organizzazioni, come l'UE e altri paesi extraeuropei.

Azione

Le azioni sono titoli che possono essere negoziati in borsa. Un'azione è una parte di una società per azioni (S.p.A.), un tipo di impresa. Una società per azioni ha un certo numero di titoli azionari. Chi compra un titolo azionario, possiede una parte di una S.p.A. Più grande è il numero di titoli azionari che si detiene, più grande è anche la parte della società nel proprio possesso. Il prezzo di un'azione può cambiare a seconda del successo della S.p.A. È quindi possibile guadagnare o perdere denaro scambiando azioni.

Banca Mondiale

La Banca Mondiale è un'organizzazione internazionale. Fu originariamente fondata per aiutare a ricostruire l'Europa dopo la Seconda guerra mondiale. Oggi promuove lo sviluppo economico dei suoi Stati membri e soprattutto degli Stati in via di sviluppo. 189 Stati sono membri della Banca Mondiale, compresa la Svizzera.

Banca nazionale svizzera (BNS)

La Banca nazionale svizzera è la banca centrale indipendente della Svizzera. È responsabile della politica monetaria del paese.

Cancelleria federale

La Cancelleria federale è il cosiddetto Stato maggiore del Consiglio federale: coordina tutti i compiti del Consiglio federale e organizza, tra l'altro, le sedute del Consiglio federale e coordina le relazioni con il Parlamento. È inoltre responsabile delle pubblicazioni ufficiali, come l’opuscolo con le spiegazioni di voto. La Cancelleria federale è guidata dal/la cancelliera/e della Confederazione.

Cantone

La Svizzera è uno Stato federale composto da 26 Cantoni. I Cantoni hanno un proprio governo, parlamento e tribunale. I Cantoni sono indipendenti in molti ambiti e possono anche influenzare la politica federale. Ad esempio, tramite la maggioranza dei Cantoni, il Consiglio degli Stati o l'iniziativa cantonale.

Cittadinanza

La cittadinanza svizzera può essere ottenuta in tre modi diversi: per naturalizzazione, per origine (nascita da genitori svizzeri) o per adozione (a determinate condizioni).

La cittadinanza svizzera può anche essere revocata in determinate circostanze. Tuttavia, ciò è possibile solo nei casi di doppia cittadinanza.

La Costituzione federale stabilisce che la cittadinanza non può portare ad alcun privilegio o svantaggio. Tuttavia, ci sono eccezioni, come il diritto di voto. Solo i cittadini svizzeri/le cittadine svizzere hanno il diritto di voto su argomenti federali.

Commissione (permanente)

Le commissioni permanenti sono composte da parlamentari appartenenti a vari partiti. Le commissioni hanno il compito di discutere gli oggetti (ad es. il progetto di una nuova legge) prima che venga discusso in Parlamento. Ogni commissione permanente è responsabile di un ambito tematico specifico (ad. es. la Commissione della politica estera). Il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno ciascuno la propria commissione per ciascun ambito tematico.

Commissione europea

La Commissione europea è un'istituzione dell'UE ed è l’organo esecutivo dell'UE. Attua le decisioni del Parlamento europeo e del Consiglio dell'UE. Al contempo, la Commissione presenta al Parlamento e al Consiglio anche proposte dirette in merito a nuove leggi e al modo in cui possono essere applicate. Gestisce le finanze dell'UE e garantisce il rispetto dei trattati UE.

Attualmente, Ursula von der Leyen è la presidente della Commissione europea.

Comune

Poiché la Svizzera è uno Stato federale (federalismo), i compiti sono ripartiti tra la Confederazione (livello federale), i Cantoni (livello cantonale) e i Comuni. I Comuni regolano le questioni che gli competono e che non sono compito della Confederazione o del Cantone. Ad esempio, molti Comuni regolano le scuole elementari o si occupano delle infrastrutture (edifici scolastici, strade) del Comune.

Vi è anche una separazione dei poteri nel Comune, cioè un governo comunale e un parlamento comunale o un'assemblea comunale. Questi sono spesso chiamati in modo diverso.

Consiglio d'Europa (CdE)

Il Consiglio d'Europa (CdE) è un'organizzazione internazionale. La maggior parte dei paesi europei, con la sola eccezione della Bielorussia, sono membri del Consiglio d’Europa, compresa la Svizzera. L'obiettivo del CdE è garantire la pace, la democrazia e la stabilità in Europa. Ad esempio, il CdE ha elaborato la Convenzione europea dei diritti dell'uomo (CEDU), che tutti i suoi membri devono rispettare. Il Consiglio d'Europa si riunisce a Strasburgo.

Consiglio degli Stati’

Il Consiglio degli Stati è, insieme al Consiglio nazionale, una delle due camere del Parlamento svizzero (potere legislativo) ed è anche conosciuto come “Camera alta”. Insieme al Consiglio nazionale, il Consiglio degli Stati discute e fale leggi. Il Consiglio degli Stati conta 46 seggi e rappresenta i Cantoni. Ogni Cantone ha due posti ciascuno, mentre i sei semicantoni un posto ciascuno. I membri del Consiglio degli Stati sono chiamati consigliere/i agli Stati e sono elette/i ogni quattro anni. Il Consiglio degli Stati garantisce a ogni Cantone di poter difendere i propri interessi in Parlamento. Il Consiglio degli Stati e il Consiglio nazionale hanno gli stessi diritti e doveri.

Consiglio dell'UE

Il Consiglio dell'UE è un'istituzione dell'UE ed è l'organo legislativo dell'UE. È composto dai ministri degli Stati membri. A seconda dell'argomento, i ministri responsabili dei diversi paesi si incontrano. Ad esempio, quando si tratta di questioni economiche, si riuniscono i ministri dell'economia degli Stati membri. Ci sono quindi dieci diversi tipi di composizione del Consiglio. In questo modo, i governi degli Stati membri possono essere coinvolti nell'UE e contribuire al coordinamento delle politiche dell'UE.

Insieme al Parlamento europeo, il Consiglio decide in merito alle finanze dell'UE e attua le proposte di legge della Commissione europea. Coordina inoltre le strategie degli Stati membri e conclude accordi internazionali con altri Stati o organizzazioni internazionali. Il Consiglio elabora la politica estera e di sicurezza sulla base delle idee del Consiglio europeo.

Consiglio europeo

Il Consiglio europeo è un'istituzione dell'UE. Il Consiglio europeo è composto dai capi di Stato e di governo dell'UE.

Il Consiglio europeo decide gli obiettivi e le priorità della politica europea.

La presidenza è attualmente detenuta da Donald Tusk.

Consiglio federale

Il Consiglio federale è il governo della Svizzera (potere esecutivo). Attua le leggi e può proporre leggi. Il Consiglio federale è composto da sette membri (consigliere/i federali) ed è eletto ogni quattro anni dall'Assemblea federale plenaria. Ogni consigliera/e federale è responsabile della gestione di un dipartimento. La/Il presidente della Confederazione cambia ogni anno e viene eletta/o per un mandato di un anno. Nel 2019, Ueli Maurer è il presidente della Confederazione. Allo stesso tempo, rimane capo del suo dipartimento.

Consiglio nazionale

Il Consiglio nazionale è, insieme al Consiglio degli Stati, una delle due camere del Parlamento svizzero (potere legislativo) ed è anche chiamato “Camera bassa”. Insieme al Consiglio degli Stati, il Consiglio nazionale discute e fale leggi. Il Consiglio nazionale ha 200 membri e rappresenta il popolo. Più abitanti ha un Cantone, più seggi ha nel Consiglio nazionale. Tuttavia, ogni Cantone ha almeno un seggio. Di conseguenza, il Cantone di Zurigo ha 35 seggi, i Cantoni di Uri, Obvaldo, Nidvaldo, Glarona, Appenzello Esterno e Appenzello Interno hanno ciascuno un solo seggio. I membri del Consiglio Nazionale sono chiamati consigliere/i nazionali e sono elette/i dal popolo ogni quattro anni. Il Consiglio nazionale ha gli stessi diritti e doveri del Consiglio degli Stati.

Corte di giustizia dell'Unione europea (CGUE)

La CGUE è la corte suprema dell'UE. L'obiettivo della CGUE è di garantire che il diritto dell'UE sia applicato in modo uniforme in tutti i paesi dell'UE. La CGUE garantisce il rispetto del diritto comunitario in tutta l'UE. A partire dal 2019 vi siedono due giudici per ogni paese dell'UE.

Costituzione cantonale

La Costituzione è la legge fondamentale di uno Stato. È la legge suprema e regola alcuni principi fondamentali (ad es. i diritti fondamentali di cittadini e cittadine o la ripartizione dei compiti tra le autorità). In Svizzera, ogni livello federale ha una propria costituzione: la Confederazione (Costituzione federale), i Cantoni (Costituzioni cantonali) e i Comuni (regolamenti comunali). Ogni Cantone può redigere la propria Costituzione. Tuttavia, deve essere democratica e non può essere in contraddizione con la Costituzione federale.

La Costituzione cantonale contiene i principi giuridici supremi di un Cantone. Le leggi cantonali devono rispettare la Costituzione cantonale.

Costituzione comunale

Ogni Comune ha una Costituzione comunale. Nella Costituzione comunale sono stabilite delle disposizioni generali come pure l’organizzazione e l’amministrazione del Comune. ’’

Costituzione federale

La Costituzione federale contiene le norme giuridiche fondamentali della Svizzera. Contiene i diritti e i doveri dei cittadini svizzeri/delle cittadine svizzere. La Costituzione regola l'organizzazione dello Stato.

La legislazione svizzera deve basarsi sulla Costituzione federale. Se la Costituzione federale viene modificata, si procede ad una votazione. Il popolo può quindi votare sulla modifica della Costituzione.

Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE)

Il Dipartimento federale degli affari esteri (DFAE) è responsabile delle relazioni della Svizzera con l'estero. Rappresenta la Svizzera all'estero e si impegna a favore degli interessi della Svizzera all'estero.

Il DFAE è diretto da Ignazio Cassis.

Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC)

Il Dipartimento federale dell'ambiente, dei trasporti, dell'energia e delle comunicazioni (DATEC) è il Dipartimento federale dell’ambiente e dell'infrastruttura svizzera, che include le vie di trasporto (automobili, treni), le linee elettriche e i mezzi di comunicazione.

Il DATEC è diretto da Simonetta Sommaruga.

Dipartimento federale dell'interno (DFI)

Il Dipartimento federale dell'interno (DFI) è responsabile in particolare della previdenza per la vecchiaia e della sanità pubblica. Tra i suoi uffici si trovano l'Ufficio federale di statistica e l'Ufficio federale della cultura.

Il DFI è diretto da Alain Berset.

Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS)

Il Dipartimento federale della difesa, della protezione della popolazione e dello sport (DDPS) si occupa di questioni militari e sportive. È responsabile della difesa, della protezione della popolazione e dello sport.

Il DDPS è diretto da Viola Amherd.

Dipartimento federale delle finanze (DFF)

Il Dipartimento federale delle finanze (DFF) è responsabile delle finanze della Svizzera. È responsabile del bilancio dello Stato, delle imposte e dei dazi doganali.

Il DFF è guidato da Ueli Maurer.

Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP)

Il Dipartimento federale di giustizia e polizia (DFGP) si occupa di sicurezza interna, migrazione e diritti civili. Tra i suoi uffici ci sono l'Ufficio federale di giustizia e l'Ufficio federale di polizia.

Il DFGP è guidato da Karin Keller-Sutter.

Economia nazionale

L'economia nazionale descrive l'intera economia all'interno di uno Stato. Ciò comprende tutti i consumatori e i produttori di un paese. Ad esempio, ne fa parte lo scambio tra famiglie e imprese. Si può distinguere tra economie aperte ed economie chiuse. Un'economia aperta è uno Stato che commercia con altri stati. Un'economia chiusa non commercia con altri stati. Un esempio di ciò è l'economia di Cuba, che ha comunque iniziato ad aprirsi ad altri stati. Ciò significa che ora sta commerciando di più con altri stati.

Forze internazionali di pace dell’ONU (“caschi blu”)

Le forze internazionali di pace dell'ONU sono conosciute come "caschi blu". Sono composti da soldati dei vari Stati membri. Il loro compito è di garantire la sicurezza nelle zone di conflitto.

Il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR)

Il Dipartimento federale dell’economia, della formazione e della ricerca (DEFR) si occupa di economia e formazione. Ciò comprende, ad esempio, l'agricoltura e questioni economiche come i dati sulla disoccupazione o la digitalizzazione. Anche i settori dell'istruzione e della ricerca appartengono al DEFR.

Il DEFR è diretto da Guy Parmelin.

Importazioni/esportazioni

Importazione ed esportazione descrivono la direzione in cui beni attraversano i confini nazionali.

L'importazione descrive tutti i beni che entrano in un paese. L'esportazione descrive tutti i beni che lasciano un paese.

Imposizione delle imprese

Come le persone fisiche, anche le imprese devono pagare delle imposte, chiamate imposte sulle imprese. Queste imposte sono costituite principalmente dall'imposta sul capitale e dall'imposta sull’utile. Nel caso dell'imposta sull’utile, le imprese devono pagare allo Stato come imposta una parte degli utili che realizzano in un anno. Nel caso dell'imposta sul capitale, le imprese devono pagare ogni anno una parte del loro capitale proprio (una sorta di patrimonio) allo Stato sotto forma di imposta.

Inflazione/deflazione

L'inflazione rappresenta una situazione in cui beni e servizi diventano sempre più costosi. Questo riduce il valore del denaro: con un franco è possibile acquistare meno (il potere d'acquisto diminuisce).

Per misurare l’inflazione, il valore di un cosiddetto paniere dei prezzi viene calcolato ripetutamente. Questo paniere contiene sempre gli stessi beni (ad esempio del pane, un biglietto del cinema, ma anche l’affitto e altri prodotti). Se questo paniere diventa sempre più costoso, si parla di inflazione.

La prevenzione dell'inflazione è il compito principale di una banca centrale. Tuttavia, c'è sempre una piccola inflazione, che fa sì che, ad esempio, un panino è molto più costoso oggi rispetto a 50 anni fa (altrimenti chiedete ai vostri nonni!).

Migrazione

Si parla di migrazione quando qualcuno cambia residenza. In genere si riferisce alla migrazione tra paesi diversi, cioè quando una persona si sposta da un paese all’altro. Si può distinguere tra immigrazione ed emigrazione. Dal punto di vista svizzero, gli immigrati sono persone che si trasferiscono in Svizzera dall’estero e gli emigranti sono persone che si trasferiscono all’estero dalla Svizzera.

NATO

La NATO (North Atlantic Treaty Organization) è un'alleanza militare. I membri della NATO sono diversi Stati europei, nonché gli Stati Uniti e il Canada. Nella NATO, gli eserciti degli Stati membri lavorano insieme e si aiutano a vicenda. La Svizzera non fa parte della NATO.

Nazioni Unite (ONU)

L'Organizzazione delle Nazioni Unite (ONU) è un'associazione di Stati. È stata fondata dopo la Seconda guerra mondiale e mira a promuovere buone relazioni tra i vari paesi. L'ONU ha diversi organi e comitati che si occupano di diversi argomenti. L'ONU può prendere decisioni (= risoluzioni) per risolvere diversi conflitti. Tuttavia, solo le decisioni del Consiglio di sicurezza sono vincolanti per i suoi membri. Oggi quasi tutti i paesi (193) sono rappresentati all'ONU, dal 2002 anche la Svizzera.

OCSE

L’Organizzazione per la cooperazione e lo sviluppo economico (OCSE) intende di rafforzare la cooperazione tra i governi di diversi Stati. I temi principali dell'OCSE sono l'economia e le questioni sociali, ad esempio, il livello di tassazione o quanto tempo libero hanno a disposizione le lavoratrici e i lavoratori. Oggi, l'OCSE conta 37 Stati membri provenienti da tutto il mondo. Tuttavia, la maggior parte degli Stati membri sono Stati europei.

Organizzazione mondiale del commercio (OMC)

L'OMC (Organizzazione mondiale del commercio) è un'organizzazione internazionale. L'obiettivo dell'OMC è quello di promuovere il libero scambio tra paesi. A tal fine, l’OMC stabilisce delle direttive, ad esempio in materia di dazi doganali. L'OMC ha oltre 160 membri, compresa la Svizzera.

Parlamento

In un sistema politico il Parlamento è il potere legislativo. Quest’ultimo si occupa di fare le leggi. In Svizzera, il Parlamento è composto da due camere: il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati. In Svizzera si parla di un parlamento di milizia perché i parlamentari generalmente hanno un'altra professione.

Parlamento cantonale

Poiché la Svizzera è uno Stato federale, non c'è solo un parlamento a livello federale, ma anche in ogni Cantone. In alcuni Cantoni, il Parlamento cantonale è chiamato anche Gran Consiglio.

Il Parlamento cantonale è il potere legislativo in un Cantone, fa le leggi e controlla il governo.

Parlamento europeo

Il Parlamento europeo è un'istituzione dell'UE. Il Parlamento è l'unica istituzione dell'UE eletta direttamente da cittadini e cittadine. Il Parlamento è responsabile delle nuove leggi. Insieme al Consiglio dell'UE, il Parlamento decide in merito alle finanze dell'UE.

Il Parlamento europeo è composto da 751 membri provenienti da tutti i paesi dell'UE e da vari partiti. Il Parlamento viene eletto ogni cinque anni. Le prossime elezioni si terranno nel 2024.

Spazio economico europeo (SEE)

Lo Spazio economico europeo (SEE) è un accordo tra l'UE e la Norvegia, l’Islanda e il Liechtenstein. Originariamente, l'accordo sullo Spazio economico europeo era inteso come un accordo tra l'UE e l’AELS. Tuttavia, la Svizzera ha rifiutato di aderirvi. L'accordo sullo Spazio economico europeo viene costantemente adeguato all'evoluzione del diritto dell'UE.

Stato federale

Uno Stato federale è composto da diversi Stati membri. In Svizzera, i Cantoni formano gli Stati membri. In uno Stato federale, sia gli Stati membri che lo Stato federale hanno un proprio governo e i loro compiti. In Svizzera, questa caratteristica si chiama federalismo.

L'opposto dello Stato federale è lo Stato unitario o Stato centrale. Nello Stato centrale, il poterespetta al governo centrale. Ciò significa che lo Stato centrale assume la maggior parte dei compiti.

Tribunale federale

Il Tribunale federale è il tribunale supremo della Svizzera (potere giudiziario). Garantisce l'applicazione uniforme del diritto federale e che i Cantoni non superino i limiti fissati dalla Confederazione nelle loro attività. L'Assemblea federale elegge un/a presidente del Tribunale federale e da 35 a 45 giudici federali. La sede del Tribunale federale è a Losanna.

UNICEF

L'Unicef (Fondo delle Nazioni Unite per l'infanzia) è un’agenzia dell’ONU che aiuta e sostiene i bambini e le famiglie dei paesi in via di sviluppo. Ad esempio, nei settori della salute, della nutrizione e dell'istruzione.

Unione europea (UE)

L'Unione europea (UE) è un'associazione di 28 stati europei. Il suo scopo è quello di rafforzare la cooperazione politica ed economica degli Stati membri. La Svizzera non è membro dell'UE, ma ha concluso degli accordi bilaterali con l'UE.

accordi bilaterali

Un accordo bilaterale è un contratto tra due parti. Gli accordi bilaterali si riferiscono generalmente ad accordi tra la Svizzera e l'UE, nei quali è regolata la cooperazione tra l'UE e la Svizzera in diversi settori. La maggior parte degli accordi bilaterali è disciplinata dai pacchetti di accordi chiamati Accordi bilaterali I e II.

assegno familiare

Le famiglie con figli ricevono i cosiddetti assegni familiari. Le famiglie ricevono 200 franchi al mese per ogni figlio/a fino a 16 anni (assegno per i figli). Per ogni figlio/a tra i 16 e i 25 anni, che è ancora in formazione (apprendistato, liceo, università, ecc.), le famiglie ricevono 250 franchi al mese (assegno per la formazione). Gli assegni familiari sono pagati dai Cantoni. Questi possono anche pagare assegni familiari più elevati, ma non più bassi.

assemblea comunale

In ogni Comune sono adottate delle norme (potere legislativo). Nei Comuni o città più grandi c'è un parlamento comunale, chiamato Consiglio comunale. Nei Comuni di piccole e medie dimensioni, l'Assemblea comunale ha il compito di adottare delle regole. Tutti gli aventi diritto di voto che vivono in un Comune possono votare nell’Assemblea comunale di quel Comune.

assicurazione contro la disoccupazione (AD)

L'assicurazione contro la disoccupazione (AD) fornisce denaro quando si perde il lavoro. L’assicurazione contro la disoccupazione versa per un certo periodo di tempo una parte del suo ultimo stipendio . Tuttavia, spesso si devono soddisfare determinate condizioni. Queste condizioni possono essere, ad esempio, fare un certo numero di candidature o frequentare un corso di formazione professionale.

assicurazione per la vecchiaia e per i superstiti (AVS)

L'AVS (assicurazione per la vecchiaia e i superstiti) è il primo pilastro della previdenza per la vecchiaia svizzera. L'AVS è obbligatoria: chi riceve uno stipendio, deve per forza versare una parte dello stipendio all'AVS (contributo AVS). Il contributo AVS viene pagato per metà dal dipendente e per metà dal datore di lavoro. Non appena si va in pensione, si riceve ogni mese una rendita dell'AVS. L'importo della pensione dipende da quanto si ha guadagnato in media durante la vita e da quanti anni si ha versato il contributo. Tuttavia, esistono una rendita minima e massima AVS. Una persona non sposata riceve una rendita AVS tra i 14’100 a 28’200 franchi all'anno.

assicurazione sociale

Le assicurazioni sociali assicurano che si sia protetti da certi rischi. Si ottiene denaro dalle assicurazioni sociali se non si può più lavorare per determinati motivi e quindi non si riceve più uno stipendio. L'AVS (ad es. la rendita di vecchiaia dopo il pensionamento), l'assicurazione contro la disoccupazione (ad es. denaro dopo la perdita del lavoro) o l’IPG (ad es. l’indennità per perdita di guadagno durante il servizio militare o il congedo di maternità) sono delle assicurazioni sociali. Le assicurazioni sociali sono pubbliche e di solito obbligatorie. Sono finanziati dai contributi salariali mensili (dipendenti e datori di lavoro) e da imposte.

assistenza sociale

L'assistenza sociale è un sostegno finanziario fornito dallo Stato. L'assistenza sociale deve coprire i bisogni di base delle persone bisognose e ad aiutarle a reintegrarsi nella società. L'assistenza sociale, ad esempio, ha lo scopo di aiutare queste persone a trovare un lavoro e un alloggio adeguato. Chi riceve assistenza sociale deve cercare di migliorare la propria situazione (ad esempio, cercando attivamente un lavoro).

borsa di studio

Una borsa di studio è una somma di denaro pagata dal Cantone a una persona che vuole seguire una formazione, ma non ha abbastanza denaro per farlo. A differenza dei prestiti studenteschi, le borse di studio non devono essere rimborsate.

cancelliere della Confederazione

La/Il cancelliera/e della Confederazione dirige la Cancelleria federale, consiglia e sostiene il Consiglio federale e la/il presidente della Confederazione nei loro compiti. Viene eletta/o dall'Assemblea federale plenaria. L’attuale cancelliere della Confederazione è Walter Turnherr (PPD).

cassa malati

Le casse malati offrono delle assicurazioni malattie. Ogni mese si paga un determinato importo alla cassa malati (premio) affinché questa paghi una parte delle spese, ad esempio in caso di malattia o infortunio. In Svizzera, l'assicurazione malattia è obbligatoria. Ci si deve quindi assicurare presso una cassa malati.

cassa malati: assicurazione di base e assicurazione complementare

L’assicurazione di base è un’assicurazione malattia che tutte le casse malati devono offrire. Le casse malati sono quindi obbligate a coprire queste prestazioni (definite dalla legge). Inoltre, le casse malati possono anche offrire prestazioni aggiuntive, ovvero delle prestazioni che non sono indicate dalla legge, come ad esempio dei trattamenti speciali. Queste appartengono alla cosiddetta assicurazione complementare.

In Svizzera, l’assicurazione di base è obbligatoria: chiunque deve avere un’assicurazione di base. L’assicurazione complementare, invece, è facoltativa.

cassa pensioni

Le casse pensioni (denominate anche LPP = previdenza professionale) costituiscono il secondo pilastro della previdenza per la vecchiaia svizzera. È necessario versare alla cassa pensioni solo a partire da un determinato reddito annuo (2018: 21’150 franchi). Se questo livello salariale viene raggiunto, sia il dipendente che il datore di lavoro versano una parte dello stipendio alla cassa pensioni (contributo alla cassa pensioni). Dopo il pensionamento si può decidere come si vuole ricevere il denaro dalla cassa pensioni. Ci sono i seguenti modi per ottenere il denaro:

- come rendita ordinaria dopo il pensionamento

- ritirando tutto il denaro risparmiato in una sola volta (prelievo di capitale)

- ritirando una parte del denaro come rendita e una parte del denaro come prelievo di capitale.

circondario elettorale

Per un’elezione, un'area è divisa in circondari elettorali. Tutti gli aventi diritto al voto sono assegnati ad un circondario elettorale. Ad esempio, nelle elezioni del Consiglio nazionale, ogni Cantone forma un circondario elettorale. Gli elettori/Le elettrici possono eleggere i candidati e le candidate del Cantone in cui hanno il diritto di voto.

clausola ghigliottina

Gli Accordi bilaterali I tra la Svizzera e l'UE coprono alcuni settori come la ricerca e l'agricoltura. Nel corso dei negoziati, la Svizzera e l'UE hanno convenuto che gli Accordi bilaterali I hanno senso solo se tutti i singoli accordi sono attuati congiuntamente. Per questo motivo, gli Accordi bilaterali I sono stati connessi con una clausola ghigliottina. Se un trattato degli Accordi bilaterali I viene denunciato, tutti i trattati degli Accordi bilaterali I saranno rescissi.

competizione

In un mercato ci sono diversi fornitori che offrono lo stesso prodotto. Ad esempio, sul mercato della telefonia mobile non c'è una sola azienda che produce dei cellulari, ma diverse. Tutti questi fornitori sono in competizione tra loro. Ciò significa che tutti vogliono offrire i migliori cellulari al miglior prezzo. Sono quindi in competizione per stabilire chi può produrre cellulari migliori o più economici.

concordanza

La Svizzera è considerata una democrazia di concordanza, il che significa che tutti i partiti sono coinvolti nel sistema politico. Tutti i partiti possono quindi partecipare all’elaborazione di nuove leggi o occupare delle posizioni amministrative.

L'opposto della concordanza è la competizione. In una democrazia competitiva, decidono solamente i partiti che hanno la maggioranza in parlamento.

concordato

I concordati sono contratti tra Cantoni. Possono essere conclusi tra due o più Cantoni. Un concordato unifica alcune disposizioni cantonali senza bisogno di una legge federale.

congedo di maternità

Se una donna ha un/a figlio/a, ha 14 settimane di congedo di maternità. Durante questo periodo, non deve lavorare e riceve l'80% del suo stipendio dall’indennità perdita di guadagno (IPG).

congiuntura

La congiuntura misura come sta andando l'economia di un paese. Se la popolazione spende molto denaro per beni e investimenti (ad esempio la costruzione di case), si parla di boom economico. Le aziende realizzano profitti, assumono molte persone ed espandono la loro produzione a causa della grande richiesta. Si creano nuove imprese e lo Stato riceve molto denaro dalle imposte. L'economia è in crescita.

Il caso inverso è una recessione.

congiunzione delle liste

In alcuni Cantoni, per le elezioni secondo il sistema proporzionale è possibile la congiunzione delle liste. Ciò significa che è possibile una congiunzione di due o più liste di partito (lista elettorale di un partito). I partiti conservano la propria lista elettorale ma, al momento della ripartizione dei seggi, le liste congiunte vengono considerate come un’unica lista elettorale. Solo in una seconda fase i seggi ottenuti vengono distribuiti all’interno di ciascuna lista. Con la congiunzione delle liste, i partiti perdono meno voti residui che non sono sufficienti per ottenere un seggio.

contingente

Un contingente è una quantità o un numero fisso di qualcosa. In politica, i contingenti sono utilizzati, per esempio, nell'importazione ed esportazione. I contingenti significano che solo un certo numero di prodotti alimentari, ad esempio, può essere importato. Si discute anche di contingenti in materia di migrazione. In questo ambito, i contingenti consentono solo ad un certo numero di stranieri e straniere di venire in Svizzera. Ad esempio, esistono contingenti per l'immigrazione di persone provenienti da Stati terzi.

contratto collettivo di lavoro (CCL)

Un contratto collettivo di lavoro (CCL) è un accordo tra le parti sociali. Le parti sociali comprendono le associazioni dei datori di lavoro e le associazioni dei lavoratori (i sindacati). Le condizioni di lavoro di base sono regolate in un CCL, ad esempio il salario minimo o il diritto alle vacanze. I contratti collettivi di lavoro devono rispettare come minimo le disposizioni legislative. I CCL si applicano a singole aziende, professioni o settori. Oggi sono circa 600 i CCL che regolano le condizioni di lavoro di circa 1,5 milioni di dipendenti.

controprogetto (diretto)

Un controprogetto è una reazione da parte del parlamento in merito a un’iniziativa popolare. Un’iniziativa popolare vuole modificare la Costituzione. Con un controprogetto diretto, il Parlamento può proporre un’altra modifica costituzionale. Il comitato d’iniziativa in conseguenza può decidere se desidera ritirare la propria iniziativa o meno. Se l’iniziativa non è ritirata, sia l’iniziativa che il controprogetto diretto sono sottoposte al voto popolare. In caso che l’iniziativa viene ritirata, si vota solamente sul controprogetto.

controprogetto (indiretto)

Un controprogetto è una reazione da parte del parlamento in merito ad un’iniziativa popolare. Un’iniziativa popolare vuole modificare la Costituzione. Con un controprogetto indiretto, il Parlamento può proporre una modifica della legge in alternativa. Il comitato d’iniziativa in conseguenza può decidere se desidera ritirare la propria iniziativa o meno. Se l’iniziativa viene ritirata, la legge entra in vigore. Se l’iniziativa non viene ritirata, si terrà una votazione popolare sull’iniziativa. In caso di approvazione dell’iniziativa, quest’ultima entra in vigore. Nel caso contrario, è la legge proposta che entra in vigore.

cumulo

Nelle elezioni secondo il sistema proporzionale, gli elettori e le elettrici ricevono schede elettorali, la maggior parte delle quali contengono già i nomi dei candidati e delle candidate. Queste cosiddette liste elettorali possono ancora essere modificate dagli elettori/dalle elettrici. Si parla di stralcio, cumulo e panachage (o voto disgiunto). Cumulare significa scrivere il nome di un/a candidato/a una seconda volta nella lista elettorale, dandogli/dandole quindi due voti.

dazio doganale

Un dazio doganale è una tassa pagata allo Stato quando qualcosa (ad esempio un prodotto) viene importato dall'estero.

Le persone che sostengono l’introduzione dei dazi doganali hanno due obiettivi: proteggere i produttori nazionali dalla concorrenza straniera, poiché i dazi doganali rendono più costosi i prezzi di fornitori stranieri; e aumentare le entrate dello Stato, grazie alla tassa prelevata..

Le persone che si oppongono ai dazi doganali non vogliono che le merci importate diventino più costose. Oggi in molti luoghi i dazi doganali vengono smantellati o completamente aboliti per semplificare il commercio. Il mercato interno dell'UE, ad esempio, ha abolito i dazi doganali in modo che le merci possano essere scambiate liberamente all'interno dell'UE.

debito pubblico

Uno Stato ha diverse entrate, per esempio le entrate fiscali. Per finanziare le proprie attività (ad esempio progetti di costruzione), lo Stato prende in prestito anche denaro, da banche o da altri Stati. Lo Stato ha quindi debiti con la banca, che deve successivamente rimborsare. La somma di tutto il denaro preso in prestito rappresenta il debito pubblico.

L'ammontare del debito pubblico è una questione controversa. Alcuni dicono che lo Stato dovrebbe spendere solo il denaro che ha effettivamente a disposizione. Pertanto, se possibile, non dovrebbe contrarre debiti. Altre persone, d'altra parte, dicono che lo Stato dovrebbe investire molto denaro e prenderlo in prestito, soprattutto in tempi economicamente difficili, per poi rimborsarlo in tempi economicamente migliori.

decreto federale

Un decreto federale è una decisione presa dal Parlamento. A differenza di una legge, tuttavia, un decreto federale non crea un nuovo diritto, cioè nuove regole. Ad esempio, con un decreto federale, il Parlamento approva il bilancio proposto dal Consiglio federale o propone di modificare la Costituzione. Ci sono decreti federali su cui il popolo deve votare (referendum obbligatorio). Alcuni decreti federali possono essere votati dal popolo quando viene richiesto un referendum (referendum facoltativo). Su alcune decisioni federali invece, il popolo non può mai votare (i cosiddetti decreti federali semplici).

designazione del partito

Nelle elezioni secondo il sistema proporzionale, come le elezioni del Consiglio nazionale, gli elettori e le elettrici possono votare sia per un partito che per singoli candidati/singole candidate. Gli elettori e le elettrici indicano sulla scheda elettorale quale partito e quali candidati e candidate desiderano sostenere. È anche possibile sostenere candidati e candidate provenienti da partiti diversi. Tuttavia, la designazione del partito o della lista ha un significato speciale, perché indica quale partito l'elettore/l’elettrice vuole sostenere di principio. Se tutte le linee della scheda elettorale non sono occupate, il partito in questione riceve automaticamente i voti rimanenti. Se la designazione del partito viene lasciata vuota, i voti rimanenti non vanno a nessuno.

dipartimento

L'Amministrazione federale svizzera è organizzata in sette dipartimenti e nella Cancelleria federale. Ogni dipartimento è responsabile per argomenti specifici. Il Dipartimento federale dell'interno, ad esempio, si occupa di questioni relative alla salute in Svizzera. Ogni consigliera/e federale dirige un dipartimento.

diritto di elettorato (attivo e passivo)

Avere il diritto di elettorato attivo significa che si può determinare chi può rappresentare il popolo in Parlamento (e, a seconda di ciò, anche nel governo). Il diritto di elettorato passivo invece corrisponde al diritto di mettersi a disposizione ed essere eletta/o in Parlamento.

In Svizzera, tutti i cittadini e le cittadine svizzeri/e di età superiore ai 18 anni possono eleggere ed essere eletti/e (diritto di elettorato attivo e passivo).

Ad esempio, a livello federale (Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati) viene eletto un nuovo Parlamento ogni 4 anni. Le prossime elezioni federali si terranno nel 2019.

I Cantoni stessi possono decidere in merito al diritto di elettorato a livello cantonale. In alcuni Cantoni e Comuni hanno diritto di elettorato anche stranieri e straniere ovvero giovani dai 16 anni d’età. Nel Cantone di Ginevra, ad esempio, stranieri e straniere possono eleggere a livello comunale. Pochi Cantoni hanno anche il diritto di elettorato passivo per stranieri e straniere. Nei Cantoni di Neuchâtel, Giura, Vaud e Friburgo, stranieri e straniere possono votare ed eleggere e, a determinate condizioni, anche essere eletti/e.

domanda e offerta

Domanda e offerta descrivono il comportamento dei consumatori e dei produttori nell'economia. I consumatori vogliono acquistare beni e servizi, ciò rappresenta la domanda. I produttori offrono beni e servizi, si tratta quindi dell’offerta. Domanda e offerta sono spesso associate alla teoria della determinazione dei prezzi. La teoria dice che il prezzo di un bene o servizio è determinato dalla domanda e dall'offerta. Se l'offerta è maggiore della domanda, un bene o servizio diventerà più economico, dato che sarà possibile comprarne più di quanto i consumatori vogliano veramente. Se la domanda è maggiore dell'offerta, un bene o servizio diventerà più costoso, dato che i consumatori vorranno comprare più di quanto è offerto.

economia di mercato

In un'economia di mercato, diversi commercianti offrono i loro prodotti. Ad esempio, sul mercato della telefonia mobile non c'è una sola azienda che produce dei cellulari, ma diverse. Tutti questi fornitori sono in concorrenza tra loro. Il prezzo dei prodotti e il numero di prodotti dipendono dall'offerta e dalla domanda, ovvero dalla quantità di prodotti desiderata dai consumatori (domanda) e dal numero di produttori che la possono offrire (offerta). Non esiste quindi un attore centrale che determina la quantità di prodotti o il prezzo (economia pianificata). Il mercato sostanzialmente si autogestisce. La Svizzera, ad esempio, è un'economia di mercato.

economia pianificata

In un'economia pianificata, un attore centrale (di solito lo Stato) decide cosa deve produrre l'economia. Decide, ad esempio, chi produce quante auto, quante patate vengono piantate e quanto costano i prodotti. L'URSS (l’Unione Sovietica), era un'economia pianificata. L'opposto di un'economia pianificata è un'economia di mercato.

federalismo

Il federalismo significa che i compiti sono suddivisi tra Confederazione (livello federale) e Cantoni (livello cantonale). I Cantoni sono indipendenti in molti settori. La Confederazione può prendere decisioni solo in alcuni ambiti indicati nella Costituzione. In molti ambiti, la Confederazione e i Cantoni si dividono i compiti.

formula magica

La composizione del Consiglio federale è nota come formula magica. Secondo la formula magica, i partiti con il maggior numero di voti dovrebbero essere rappresentati nel Consiglio federale. I sette seggi sono quindi divisi in base al numero di elettori. Per questo motivo, il PPD ha un seggio e il PLR, il PS e l’UDC hanno due seggi ciascuno. Dal 2003 si sono verificati cambiamenti nella composizione del Consiglio federale.

La formula magica non è una legge. Tuttavia, molti politici chiedono che essa garantisca la concordanza.

freno all'indebitamento

Il freno all'indebitamento assicura che le entrate e le spese della Confederazione siano equilibrate a lungo termine. Per un certo periodo di tempo la Confederazione può avere spese più elevate rispetto alle entrate. Queste spese più elevate, tuttavia, nel lungo periodo, devono essere compensate. In questo modo, il debito pubblico della Svizzera non dovrebbe aumentare.

globalizzazione

La globalizzazione significa che le economie e le società di tutti i paesi del mondo sono sempre più interconnesse. Così le nostre vite stanno diventando sempre più globali. Negli ultimi decenni, ad esempio, le migrazioni (persone che si spostano in un altro paese), il commercio globale e i viaggi sono tutti fortemente aumentati.

governo cantonale

Poiché la Svizzera è uno Stato federale, in ogni Cantone non c'è solo un governo nazionale, ma anche un governo cantonale. Quest’ultimo è il potere esecutivo, deve quindi attuare ed eseguire le leggi approvate dal potere legislativo.

A livello di governo cantonale, l'organo supremo è il Consiglio di Stato. Il governo cantonale comprende anche l'amministrazione.

governo comunale

Poiché la Svizzera è uno Stato federale, non c'è solo un governo federale e cantonale, ma in ogni Comune anche un governo comunale (potere esecutivo). Questo è di solito chiamato Consiglio comunale o Municipio. Il governo comunale deve attuare ed eseguire le leggi approvate dal potere legislativo.

gruppo parlamentare

Un gruppo parlamentare è composto da almeno cinque parlamentari che hanno opinioni simili. I membri del gruppo parlamentare non devono necessariamente far parte dello stesso partito, ma di solito i partiti hanno i propri gruppi. I gruppi parlamentari discutono le questioni prima che questi vengono trattati in Parlamento. Inoltre, formulano delle raccomandazioni per il voto.

imposizione individuale

In Svizzera, le coppie sposate e le coppie registrate sono tassate insieme. Ad esempio, pagano insieme le imposte sul reddito. Il reddito di entrambi i coniugi viene sommato per calcolare l'importo dell'imposta.

Ci sono anche paesi in cui esiste una imposizione individuale. Nel caso di imposizione individuale, i coniugi e i partner di una coppia registrata pagano le imposte individualmente. Il reddito non viene quindi sommato, ma l'ammontare dell'imposta sul reddito dipende dall'ammontare del reddito personale. Le coppie sposate e le coppie registrate sono tassate come se non fossero sposate.

imposta federale diretta

L'imposta federale diretta è pagata sul reddito o sugli utili nel caso delle imprese. Una parte del reddito o dell'utile viene quindi versata alla Confederazione sotto forma di imposta. L'ammontare dell'imposta dipende dall'ammontare del reddito o dell'utile. Con l'imposta federale diretta, la Confederazione guadagna circa 21 miliardi di franchi all'anno.

imposta sul reddito

In Svizzera, si paga un'imposta sul reddito. Si deve dunque versare una parte dei propri redditi allo Stato come imposta. L'ammontare di questa imposta sul reddito dipende da quanto è alto il reddito. Le imposte sul reddito sono riscosse a livello federale, cantonale e comunale. L’imposta federale èla stessa per tutti. Le imposte cantonali e comunali sono determinate dal rispettivo Cantone o Comune. Queste imposte sono quindi differenti a seconda del luogo di residenza.

imposta sul valore aggiunto (IVA)

Quando si acquista qualcosa, si deve pagare un’imposta sul valore aggiunto (IVA). L’IVA è ad esempio compresa nel prezzo di un pasto al ristorante, o nel prezzo dei prodotti esposti nei negozi. Il tasso dell’IVA dipende dal prodotto. I prodotti di uso quotidiano, come alimenti e bevande analcooliche acquistate al supermercato, hanno un tasso IVA del 2,5%. I pernottamenti in albergo, ad esempio, sono tassati con il 3,7% di IVA. Per tutto il resto, l’IVA è del 7,7%.

imposta sulla sostanza

In Svizzera si pagano le imposte sulla sostanza. Ogni anno si deve quindi pagare allo Stato una parte del proprio patrimonio come imposta. L'imposta sulla sostanza si applica solo a partire da un certo importo. L'ammontare di questa imposta sulla sostanza dipende dall'entità del patrimonio. L'imposta sulla sostanza viene versata ai Cantoni e ai Comuni. Ogni Cantone decide autonomamente il valore dell'imposta sulla sostanza e a partire da quale importo deve essere pagata.

imposta sulle successioni

Un'eredità è la proprietà (denaro, casa, azioni, ecc.) che una persona lascia dopo la morte ad un'altra persona. In quasi tutti i Cantoni, le eredità vengono tassate applicando un’imposta sulla successione. Una parte dell'eredità deve quindi essere pagata allo Stato sotto forma di imposta. In tutti i Cantoni, nei quali esiste un’imposta sulle successioni, i rispettivi coniugi o partner registrati non sono tenuti a pagare l'imposta sulle successioni. Nella maggior parte dei Cantoni, i bambini della persona deceduta non devono pagare l'imposta sulle successioni.

imposte dirette e indirette

Le imposte dirette sono, ad esempio, l'imposta sul reddito o l'imposta sulla sostanza. L'ammontare dell'imposta che si deve pagare allo Stato dipende dal reddito o dal patrimonio. Le imposte indirette sono, ad esempio, l'IVA o l'imposta sul tabacco. Se si compra qualcosa, si paga una parte del prezzo d'acquisto come imposta allo Stato.

indennità per perdita di guadagno (IPG)

Poiché non si lavora durante il servizio militare, la protezione civile e il servizio civile e durante il congedo di maternità, non si riceve alcun salario dal datore di lavoro. In questi casi, l’indennità per perdita di guadagno (IPG) versa una parte dello stipendio durante un periodo di tempo determinato. L’IPG è prelevata dal salario mensile: ogni mese, Tutti i dipendenti e i datori di lavoro versano una piccola parte del loro stipendio all’IPG.

iniziativa parlamentare

Con un'iniziativa parlamentare, un/a parlamentare, un gruppo parlamentare o una commissione può presentare un progetto di legge o di ordinanza. Il Parlamento vota sull'eventualità di dare seguito all'iniziativa. Se l'iniziativa viene adottata, una commissione elaborerà ulteriormente il progetto.

iniziativa popolare (cantonale)

Con un’iniziativa popolare cantonale, cittadini e cittadine possono proporre una modifica della Costituzione cantonale. Tuttavia, quante firme devono essere raccolte in quanto tempo varia da Cantone a Cantone. Una volta raccolte le firme, tutti/e i/le cittadini/e aventi diritto di voto del Cantone votano sulla proposta di modifica della Costituzione cantonale.

iniziativa popolare (federale)

Con un’iniziativa popolare federale, cittadini e cittadine possono proporre una modifica della Costituzione federale. A livello federale, entro 18 mesi devono essere raccolte 100’000 firme di cittadini e cittadine aventi diritto di voto. Una volta raccolte le firme, i cittadini e le cittadine votano sulla proposta di modifica della Costituzione federale.

interesse

Se si ottiene un prestito da una banca, di solito non solo si deve rimborsare il prestito, ma anche degli interessi. Un esempio: una persona riceve un prestito (somma di denaro) da una banca. La banca commerciale addebita un interesse. La persona deve rimborsare il prestito e gli interessi calcolati in un determinato periodo di tempo. La banca guadagna denaro prestando denaro.

interpellanza

Un'interpellanza è un intervento di un/a parlamentare, con lo scopo di ottenere dal Consiglio federale informazioni o maggiori informazioni su eventi, decisioni o questioni di politica interna o esterea. I parlamentari presentano la loro richiesta per iscritto al Consiglio federale, che deve rispondere. La risposta del Consiglio federale viene normalmente discussa in Parlamento.

legge

Una legge è una disposizione giuridica. Questo significa che una legge regola qualcosa, ad esempio, le leggi stabiliscono diritti, doveri e responsabilità. La base delle leggi è la Costituzione federale.

Le leggi sono fatte dal Parlamento. Esiste, per esempio, una legge sugli orari di apertura dei negozi, che regola quando i negozi possono essere aperti.

legislatura

La legislatura è la durata del mandato di un’assemblea. In Svizzera, ad esempio, il Parlamento ha un mandato quadriennale. Dopo questi quattro anni, i membri del parlamento vengono eletti o rieletti.

libera circolazione delle persone

La Svizzera ha stretto diversi accordi con l‘UE. Il pacchetto degli Accordi bilaterali I è in vigore dal 2002 e contiene anche la cosiddetta libera circolazione delle persone. Questa permette agli svizzeri e ai cittadini degli Stati UE/ AELS di scegliere liberamente il proprio luogo di vita e lavoro all’interno di questi paesi.

libero scambio

I Paesi di tutto il mondo fanno del commercio l’uno con l’altro. Ad esempio, americani e americane comprano auto dalla Germania, svizzeri e svizzere acquisiscono cellulari dalla Corea del Sud o indiani e indiane comprano cioccolato dalla Svizzera. Il libero scambio significa che ci dovrebbero essere il minor numero possibile di ostacoli al commercio. Vengono quindi aboliti ad esempio i dazi doganali o altre norme commerciali. Ciò significa che il commercio dovrebbe essere il più libero possibile. I Paesi concludono tra loro degli accordi di libero scambio. Gli accordi di libero scambio sono dei trattati tra Stati in cui essi regolano il libero scambio reciproco. L'opposto del libero scambio è il protezionismo.

lista elettorale

Al fine di informare l'elettore su quali sono i candidati e le candidate ad un’elezione, i loro nomi figurano su una lista elettorale. Per l’elezione del Consiglio nazionale, c'è una lista elettorale per ogni partito che si candida alle elezioni.

In un’elezione con voto di lista, l'elettore/l’elettrice può scegliere una delle liste elettorali o compilare una propria lista.

maggioranza assoluta

La maggioranza assoluta descrive il numero di voti che un/a candidato/a deve raggiungere per essere eletto/a. Per ottenere la maggioranza assoluta, il/la candidato/a ha bisogno di un voto in più della metà di tutti i voti validi. Se sono espressi 100 voti validi, la maggioranza assoluta è di 51 voti (100/2 + 1). Il Consiglio degli Stati, il Consiglio federale e i Consigli di Stato di alcuni Cantoni vengono eletti con la maggioranza assoluta.

maggioranza qualificata

La maggioranza qualificata descrive il numero di voti che un/a candidato/a deve raggiungere per essere eletto/a. La maggioranza qualificata è una percentuale di voti stabilita, per esempio una maggioranza di due terzi o tre quarti. Se per l'elezione di un/a politico/a è richiesta la maggioranza qualificata, ciò è prescritto dalla legge.

Tuttavia, può anche essere richiesta la maggioranza qualificata in una votazione. In alcuni casi, il Parlamento deve adottare degli emendamenti a maggioranza qualificata.

maggioranza relativa

La maggioranza relativa descrive il numero di voti che un/a candidato/a deve raggiungere per essere eletto/a. Per ottenere la maggioranza relativa, il/la candidato/a ha bisogno di un voto in più dei suoi avversari. Il/La candidato/a con il maggior numero di voti vince le elezioni. La maggioranza relativa è normalmente utilizzata nel secondo turno di elezioni secondo il sistema maggioritario, se nessun/a candidato/a è riuscito/a a raggiungere la maggioranza assoluta nel primo turno.

mercato interno/unico

Un mercato interno è un mercato comune all’interno di certi confini. Un mercato interno può quindi riferirsi al mercato economico all'interno di uno Stato o di un gruppo di Stati. Di norma, il mercato interno si riferisce al mercato unico dell'UE. In questo mercato unico, avviene un libero scambio. Ciò significa che all'interno dell'UE, beni e servizi possono essere offerti in tutti gli Stati membri dell'UE senza i cosiddetti ostacoli al commercio, quali dei dazi doganali speciali o delle restrizioni all'importazione. Ad esempio, un calzolaio tedesco può vendere le sue scarpe in Polonia senza permesso. Un architetto svedese può anche aprire uno studio di architettura in Ungheria e progettare case. Per garantire l'applicazione delle stesse norme in tutto il mercato unico, le legislazioni negli Stati membri sono armonizzate.

monopolio (economico)

In un monopolio vi è un solo fornitore sul mercato che offre un prodotto o un servizio. Ad esempio, se ci fosse un solo produttore di telefoni cellulari, avrebbe un monopolio sul mercato della telefonia mobile. Poiché non ha concorrenti, questo produttore potrebbe da solo decidere il prezzo e altre regole. Ci sono anche monopoli legalmente previsti. Ad esempio, in Svizzera esiste il monopolio sulle lettere: lettere fino a una certa dimensione possono essere inviate solo dalla Posta Svizzera.

mozione

Una mozione può essere presentata durante la sessione da un gruppo parlamentare o da singoli parlamentari. Se il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati sono d'accordo, la mozione è trasmessa al Consiglio federale. Il Consiglio federale deve redigere un progetto di legge. Il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati devono poi discutere nuovamente questo progetto di legge e decidere se vogliono approvarlo o respingerlo.

naturalizzazione

In Svizzera, la naturalizzazione è un processo in tre fasi: per diventare cittadino/a è necessario richiedere la cittadinanza della Confederazione, del Cantone e del Comune. Chi vuole essere naturalizzato, deve prima ottenere un permesso dalla Confederazione. Tuttavia, i Comuni e Cantoni impongono ulteriori requisiti. Si tratta, ad esempio, di test di lingua o di naturalizzazione.

Esistono varie procedure di naturalizzazione. In primo luogo, c'è la naturalizzazione ordinaria. Questa è una naturalizzazione normale. In secondo luogo, la naturalizzazione semplificata. Questa vale, ad esempio, per i coniugi stranieri di cittadini/e svizzeri/e o per i figli della terza generazione di stranieri/e. In terzo luogo, c'è il rimpatrio per le persone che sono già state svizzere.

ordinanza

Un’ordinanza è una disposizione giuridica, che permette di concretizzare una legge. Nella maggior parte dei casi, il governo o l'amministrazione emanano ordinanze. Il governo e l'amministrazione redigono quindi leggi più precise e possono emanare ordinanze.

panachage

Nelle elezioni secondo il sistema proporzionale, gli elettori e le elettrici ricevono schede elettorali, la maggior parte delle quali contengono già i nomi dei candidati e delle candidate. Queste cosiddette liste elettorali possono ancora essere modificate dagli elettori/dalle elettrici. Si parla di stralcio, cumulo e panachage. Panachage significa inserire il nome di un/a candidato/a di un partito nella lista elettorale di un altro partito.

parlamento comunale

In ogni Comune sono adottate delle norme (potere legislativo). Nei Comuni o città più grandi, c’è un parlamento comunale, chiamato Consiglio comunale. I membri del Consiglio comunale sono eletti dai cittadini del Comune. Nei Comuni di piccole e medie dimensioni, l’Assemblea comunale ha il compito di adottare delle regole.

perequazione finanziaria

I Cantoni svizzeri affrontano presupposti diversi. Da un lato, la loro struttura demografica è differente. Le entrate fiscali di singoli Cantoni sono pertanto molto più elevate di quelle di altri Cantoni. D'altra parte, le condizioni sono diverse: ad esempio, costruire strade in un Cantone di montagna come quello di Berna è più costoso che nel più pianeggiante Cantone di Zurigo.

Per ridurre le differenze finanziarie tra i Cantoni e garantire che tutti abbiano denaro a sufficienza, esiste un sistema nazionale di perequazione finanziaria. I Cantoni più ricchi e la Confederazione versano del denaro in un fondo. Le risorse di questo fondo vanno ai Cantoni meno ricchi e ai Cantoni con condizioni più difficili. Spesso vi è anche una perequazione finanziaria all'interno dei Cantoni, con la quale vengono compensate le differenze finanziarie tra i Comuni.

permesso di domicilio (permesso C)

La Svizzera ha diversi diritti di soggiorno per stranieri e straniere. Uno di questi è il permesso di domicilio. È valido a tempo indeterminato ed è generalmente concesso se la persona ha risieduto legalmente in Svizzera per almeno 10 anni (o 5 anni in caso di buona integrazione).

In molti ambiti del settore pubblico, le persone con un permesso di domicilio hanno gli stessi diritti e doveri dei cittadini svizzeri/delle cittadine svizzere. Un esempio di parità di diritti è il diritto del lavoro: in Svizzera, i titolari di un permesso C anche loro lavorare senza restrizioni. Un esempio degli stessi obblighi è invece l'obbligo fiscale: in Svizzera, i titolari di un permesso C devono pagare anche loro delle imposte. Un esempio di diritti diversi è il diritto di voto: solo i cittadini svizzeri/le cittadine svizzere possono votare a livello federale. Un esempio di doveri diversi è il dovere militare: solo cittadini svizzeri hanno l’obbligo di prestare servizio militare.

permesso di soggiorno (permesso B)

Senza permesso turistico, stranieri e straniere possono soggiornare in Svizzera per tre mesi o anche per tutto il periodo di validità del loro visto. Se si desidera soggiornare più a lungo in Svizzera, serve un permesso di soggiorno. La Svizzera ha diversi diritti di soggiorno per stranieri e straniere. Uno di questi è il permesso di soggiorno B per cittadini e cittadine UE/AELS. Si applica a lavoratori dipendenti, lavoratori autonomi, studenti e persone senza attività lucrativa. Le persone provenienti dagli Stati dell'UE/AELS hanno diritto a un permesso di soggiorno anche senza lavoro. Devono dimostrare di avere abbastanza denaro e di essere assicurati anche senza lavoro.

persona ammessa provvisori amente (permesso F)

Le persone ammesse provvisoriamente sono persone la cui domanda d'asilo è stata respinta. Per determinate ragioni, tuttavia, non possono essere espulsi dalla Svizzera. La prima ragione potrebbe essere che sarebbe contrario al diritto internazionale espellere la persona. In secondo luogo, la persona si troverebbe in concreto pericolo (ad esempio in caso di guerra). In terzo luogo, per motivi pratici non è possibile espellere la persona perché, ad esempio, non si sa da dove viene.

L'ammissione provvisoria può essere prolungata di 12 mesi alla volta. È quindi possibile ottenere un permesso di lavoro.

petizione

Ogni persona (compresi stranieri e straniere ovvero i minorenni) ha il diritto di presentare una petizione a qualsiasi autorità dello Stato.

Questa può includere critiche, suggerimenti o lamentele. Tuttavia, l'autorità non è tenuta a rispondere. Si ha quindi il diritto di essere ascoltata/o, ma non di ricevere una risposta.

postulato

Con un postulato, un/a parlamentare può richiedere che il Consiglio federale esamini la necessità di una legge o un decreto su un determinato argomento.

Tuttavia, finché un postulato possa essere depositato, il Parlamento deve prima approvare il postulato. Nel Consiglio nazionale, quindi, la maggioranza del Consiglio nazionale deve essere favorevole a che il postulato sia trasmesso al Consiglio federale.

Successivamente, il Consiglio federale deve informare per iscritto il Parlamento sulle sue riflessioni in merito al postulato.

Un postulato offre quindi ai parlamentari la possibilità di influenzare le attività del Consiglio federale.

potere esecutivo

Il potere esecutivo è uno dei tre poteri dello Stato (separazione dei poteri). I suoi compiti comprendono l'esecuzione e l'attuazione delle leggi adottate dal potere legislativo. Il potere esecutivo è esercitato a livello federale dal Consiglio federale, a livello cantonale dal Consiglio di Stato e a livello comunale dal Municipio (talvolta chiamato anche Consiglio municipale). A livello federale, anche i dipartimenti e gli uffici federali fanno parte dell'esecutivo. Esso comprende pertanto il governo e i suoi servizi amministrativi.

potere giudiziario

Il potere giudiziario è uno dei tre poterei dello Stato (separazione dei poteri). Il potere giudiziario è esercitato dai tribunali, che in caso di controversia decidono come deve essere applicata una legge. In Svizzera esistono diversi tribunali a tutti i livelli (federale, cantonale e distrettuale). I singoli tribunali sono subordinati l'uno all'altro. Ciò significa, ad esempio, che il Tribunale federale ha l'ultima parola sui tribunali cantonali. I giudici del Tribunale federale sono eletti dall'Assemblea federale plenaria.

Il potere giudiziario esiste anche a livello cantonale, ad esempio sotto forma di tribunali distrettuali o a livello cantonale sotto forma di tribunali cantonali e amministrativi.

potere legislativo

Il potere legislativo è uno dei tre poteri dello Stato (separazione dei poteri). Fa leggi e controlla il governo. In Svizzera, l'Assemblea federale (Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati) è l'organo legislativo. Nei Cantoni, il Parlamento cantonale (chiamato Gran Consiglio) costituisce il potere legislativo.

presidente del Consiglio degli Stati

La/Il presidente del Consiglio degli Stati presiede le riunioni del Consiglio degli Stati, pianifica la procedura delle sedute del Consiglio degli Stati e dirige l'Ufficio del Consiglio degli Stati. L'Ufficio del Consiglio degli Stati stabilisce, tra l'altro, il programma delle sessioni.

La/Il presidente del Consiglio degli Stati è eletta/o dal Consiglio degli Stati per un periodo di un anno.

presidente del Consiglio nazionale

La/Il presidente del Consiglio nazionale presiede le riunioni del Consiglio nazionale, pianifica lo svolgimento delle sedute del Consiglio nazionale e dirige l'Ufficio del Consiglio nazionale. L'Ufficio del Consiglio nazionale stabilisce, tra l'altro, il programma delle sessioni.

La/Il presidente del Consiglio nazionale è eletta/o ogni anno dal Consiglio nazionale per un mandato di un anno. Ogni anno, la/il presidente del Consiglio nazionale appartiene ad un partito diverso.

presidente della Confederazione

La/Il presidente della Confederazione è una/o dei sette membri del Consiglio federale. Essa/o presiede le sedute del Consiglio federale e rappresenta il Consiglio federale verso l'esterno (ad es. all'estero). In caso contrario, la/il presidente della Confederazione ha le stesse competenze delle/degli altre/i consigliere/i federali. La/Il presidente della Confederazione cambia ogni anno e viene eletta/o dall'Assemblea federale plenaria. Nel 2019, il presidente della Confederazione è Ueli Maurer.

previdenza individuale

La previdenza individuale è il terzo pilastro della previdenza per la vecchiaia svizzera. Si può distinguere tra la previdenza vincolata (3a) e la previdenza libera (3b). La previdenza individuale libera (pilastro 3b) è il normale risparmio, ad esempio in un conto di risparmio.

È però anche possibile aprire un conto speciale per la previdenza individuale vincolata (pilastro 3a). Per il denaro su questo conto non è necessario pagare le tasse , ma lo si può ritirare solo poco prima di andare in pensione. Poiché il denaro può essere detratto dalle imposte, si tratta di un modo per risparmiare imposte. Esiste comunque un importo massimo di contributo annuale.

Il terzo pilastro non è obbligatorio. Esso permette di risparmiare denaro a titolo privato e senza nessun obbligo, in aggiunta ai due pilastri obbligatori (AVS e LPP).

previdenza per la vecchiaia

Quando una persona va in pensione, non riceve più uno stipendio. La previdenza per la vecchiaia consente alle persone di avere abbastanza denaro per vivere anche dopo la pensione. Ad esempio, grazie alla previdenza per la vecchiaia, ogni mese si riceve una rendita di vecchiaia. In Svizzera, la previdenza per la vecchiaia è suddivisa in tre elementi(l’AVS, le casse pensioni e la previdenza individuale), i cosiddetti pilastri. Si parla dunque del sistema dei tre pilastri.

principio di collegialità

Secondo il principio di collegialità, il parere della maggioranza di un gruppo rappresenta il parere espresso da tutto il gruppo. In Svizzera, il principio di collegialità è spesso utilizzato per descrivere il funzionamento del Consiglio federale. Tutte/i le/i consigliere/i federali rappresentano l'opinione della maggioranza del Consiglio federale verso l’esterno, anche se personalmente hanno un’altra opinione..

prodotto interno lordo (PIL)

Il PIL è un indicatore che serve a misurare il rendimento economico di un paese. Misura il valore di tutti i beni e servizi prodotti in un paese. Ad esempio, sommando il valore di tutti i beni e servizi prodotti in Svizzera, si ottiene il PIL della Svizzera. Nel 2017, il PIL della Svizzera è stato di ben668,6 miliardi di franchi. Il PIL pro capite in Svizzera è stato di 79'104 franchi. Utilizzando il PIL pro capite di vari paesi si confronta il rendimento economico di questi paesi. Più alto è il PIL pro capite, maggiore è il rendimento economico.

progressione

La progressione delle imposte significa che i redditi o i patrimoni più elevati sono tassati proporzionalmente di più rispetto ai redditi o ai patrimoni più bassi. Rispetto ad un reddito o ad un patrimonio inferiore, in caso di redditi o patrimoni elevati una parte maggiore del reddito o del patrimonio viene pagata come imposta. Ad esempio: il tasso di imposizione per i valori patrimoniali compresi tra 100'000 e 200'000 franchi è dell'1 per mille (1‰ = 0,1%). Per questa parte del patrimonio si deve quindi pagare un'imposta sulla sostanza di 100 franchi (0,1% * 100'000 = 100). Il tasso di imposizione per i patrimoni compresi tra 200'000 e 300'000 franchi svizzeri è d2 per mille (2‰ = 0,2%). Per questa parte del patrimonio si deve quindi pagare l'imposta sulla sostanza di 200 franchi (0,2% * 100 000 = 200).

protezionismo

I Paesi di tutto il mondo fanno del commercio l’uno con l’altro. Ad esempio, americani e americane comprano auto dalla Germania, svizzeri e svizzere acquisiscono cellulari dalla Corea del Sud o indiani e indiane comprano cioccolato dalla Svizzera. Il protezionismo significa che un paese vuole proteggere la propria economia dal commercio globale. Ad esempio, gli Stati Uniti potrebbero rendere più difficile l'acquisto di automobili tedesche per proteggere la propria industria automobilistica. A tal fine potrebbero, per esempio, aumentare i dazi doganali e quindi rendere più costose le automobili tedesche negli Stati Uniti. Gli americani e le americane saranno quindi più propensi ad acquistare auto fabbricate nel proprio paese. Il contrario del protezionismo è il libero scambio.

recessione

La congiuntura misura come sta andando l'economia di un paese. Durante una recessione, l'economia si contrae, perché la gente praticamente non spende denaro ma li risparmia. Ciò rende più difficile per le imprese pagare i propri lavoratori. Le imprese potrebbero dover licenziare i lavoratori, certe imprese falliscono. La gente ha meno denaro, quindi compra ancora meno e l’economia si contrae.

Il caso inverso è la crescita economica.

reddito nazionale lordo (RNL)

Come il PIL, il reddito nazionale lordo (RNL) è un indicatore che misura il rendimento economico di un paese. A differenza del PIL, tuttavia, non misura il valore di tutti i beni e servizi prodotti in un paese. Misura invece il valore di tutti i beni e servizi prodotti dagli attori economici di un singolo Stato. Ad esempio, il RNL della Svizzera misura il valore di tutti i beni e servizi realizzati da persone con la cittadinanza svizzera, indipendentemente dal fatto che lo facciano in Svizzera o all'estero.

referendum (facoltativo)

Le leggi federali vengono adottate dall’Assemblea federale (Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati). Normalmente, il popolo non vota sulle leggi federali. Tuttavia, se in 100 giorni vengono raccolte 50’000 firme di cittadini e cittadine aventi diritto di voto, il popolo è comunque chiamato al referendum per votare sulla nuova legge. Come fa capire il nome, il referendum facoltativo è applicato solo su richiesta e quindi non automaticamente come il referendum obbligatorio. Inoltre, il referendum facoltativo può essere lanciato anche contro determinati trattati internazionali e decreti federali.

referendum (obbligatorio)

Un emendamento della Costituzione o l’adesione a determinate organizzazioni (le cosiddette organizzazioni di sicurezza collettiva come l'ONU o comunità sovranazionali come l'UE), necessitano l’approvazione da parte del popolo. A differenza di un referendum facoltativo, non è necessario raccogliere delle firme. Per accogliere un referendum obbligatorio è necessaria una doppia maggioranza, vale a dire che sia la maggioranza del popolo che la maggioranza dei Cantoni devono votare a favore.

regolamentazione

Regolamentazione significa che lo Stato regola una certa questione. Egli stabilisce pertanto delle norme, ad esempio attraverso leggi o prescrizioni. Sui giornali si parla spesso, ad esempio, continuamente della regolamentazione del settore bancario. Le persone che chiedono una maggiore regolamentazione del settore bancario vogliono che lo Stato elabori più leggi e prescrizioni, ad esempio, su cosa possono e non possono fare le banche. Le persone che chiedono meno regolamentazione del settore bancario vogliono che lo Stato faccia poche regole per le banche. Esse quindi dovrebbero, se possibile, decidere da sole cosa vogliono o non vogliono fare.

richiedenti d’asilo (permesso N)

Un/a richiedente d’asilo è una persona di un altro paese che viene in Svizzera in cerca di protezione. Quindi presenta una domanda d’asilo, che durante la procedura d’asilo viene valutata per verificare se la persona è un/a rifugiato/a e se può restare in Svizzera.

In determinante circostanze, richiedenti d’asilo hanno il diritto di lavorare in Svizzera.

ridistribuzione

Con la ridistribuzione, lo Stato cerca di distribuire la prosperità in modo più equo tra la popolazione. Attraverso varie misure, cerca di sostenere finanziariamente le persone a basso reddito. Una parte del denaro per questo sostegno viene raccolta attraverso varie misure, presso persone con redditi più alti. Ad esempio, le persone con un reddito elevato devono pagare proporzionalmente più tasse delle persone a basso reddito. Allo stesso tempo, le persone a basso reddito ricevono riduzioni dei premi.

rifugiato

Un/a rifugiato/a è una persona che può essere ferita fisicamente o mentalmente nel suo paese d'origine a causa di razza, religione, nazionalità, appartenenza ad un determinato gruppo sociale o opinione politica.

Un/a rifugiato/a che è stato/a accettato/a e ha ottenuto l'asilo in Svizzera riceve un permesso di soggiorno (permesso B). Se la domanda d'asilo viene respinta, ma la persona comunque non può essere espulsa, viene ammessa provvisoriamente (permesso F).

semicantone

In Svizzera ci sono 26 Cantoni, sei dei quali sono i cosiddetti “semicantoni”. I semicantoni hanno solo mezzo voto e un solo seggio nel Consiglio degli Stati. I semicantoni in Svizzera sono: Obvaldo, Nidvaldo, Basilea Città, Basilea Campagna, Appenzello Esterno e Appenzello Interno.

separazione dei poteri

In Svizzera, non tutto il potere è in mano ad una sola persona (ad es. un dittatore), ma il potere è ripartito. Ciò si chiama separazione dei poteri. Ci sono tre poteri dello Stato: il potere legislativo (parlamento), il potere esecutivo (governo) e il potere giudiziario (tribunali). Ognuno dei tre poteri ha compiti chiaramente definiti. In Svizzera, a livello federale si tratta del Parlamento (legislativo), del Consiglio federale (esecutivo) e dei tribunali (giudiziario). Nessuno rappresentare contemporaneamente più di uno di questi poteri.

sessione

Una sessione è il periodo in cui il Parlamento si riunisce (Consiglio nazionale e Consiglio degli Stati separatamente). Ci sono due tipi di sessioni: la sessione ordinaria e la sessione straordinaria. In Svizzera, ci sono di solito quattro sessioni ordinarie all'anno. La sessione straordinaria è organizzata al di fuori delle sessioni ordinarie se uno dei due Consigli non è stato in grado di trattare alcune questioni.

settore primariox

L'economia può essere divisa in tre parti, chiamati settori. Il settore primario comprende la cosiddetta produzione primaria, che fornisce le materie prime all'economia. Comprende, ad esempio, l'agricoltura e la pesca. Il settore secondario è il settore industriale. Lavora le materie prime del settore primario. Ciò include, ad esempio, le fabbriche o l'industria delle costruzioni. Il settore terziario è il settore dei servizi. Consuma o distribuisce i prodotti del settore secondario. Ciò include, ad esempio, ristoranti e parrucchieri.

sindacato

Un sindacato è un'organizzazione che rappresenta gli interessi dei lavoratori. I lavoratori possono diventare membri di un sindacato. Ci sono sindacati per diversi settori industriali. I sindacati negoziano per i loro membri con i datori di lavoro e lavorano per migliorare le leggi a favore dei lavoratori.

In alcuni casi, tuttavia, i sindacati possono anche sostenere i lavoratori che non sono iscritti al sindacato. Ad esempio, promuovono contratti collettivi di lavoro, che si applicano a tutti i lavoratori di un settore.

sistema bicamerale

Il Parlamento svizzero è composto da due camere: il Consiglio nazionale e il Consiglio degli Stati. Il Consiglio nazionale rappresenta il popolo e il Consiglio degli Stati i Cantoni. Entrambe le camere hanno gli stessi diritti e doveri. Ad esempio, una nuova legge necessita l’approvazione di entrambe le camere.

sistema dei tre pilastri

La previdenza per la vecchiaia svizzera è suddivisa in tre elementi (l’AVS, le casse pensioni e la previdenza individuale), chiamati pilastri. Si parla quindi del sistema dei tre pilastri. Ognuno di questi pilastri funziona secondo un principio diverso ed è finanziato in modo diverso. Insieme, devono fornire un buon reddito anche dopo il pensionamento.

sistema di milizia

La Svizzera ha un parlamento di milizia. In un sistema di milizia, molte persone, parallelamente alle loro attività parlamentari, esercitano un lavoro professionale retribuito. Ciò significa che un/a parlamentare può essere un/a ingegnere e al contempo avere un seggio nel Consiglio nazionale. I parlamentari ricevono un indennizzo per il loro lavoro politico.

sistema elettorale maggioritario

In un’elezione secondo il sistema maggioritario, un/a candidato/a deve ottenere più del 50% di tutti i voti al primo turno per essere eletto/a (maggioranza assoluta). Nel secondo turno viene eletto/a il/la candidato/a con il maggior numero di voti, anche se non ha ottenuto/a la metà di tutti i voti (maggioranza relativa).

Pertanto, in un’elezione secondo il sistema maggioritario, un/a candidato/a deve essere sostenuto/a da un'ampia parte della popolazione e convincere piuttosto con la propria personalità che con il suo partito.

Ne sono esempi le elezioni del Consiglio degli Stati o del Consiglio di Stato di alcuni Cantoni.

sistema elettorale proporzional

In un’elezione secondo il sistema proporzionale, i seggi sono distribuiti tra i vari partiti. I partiti che hanno ricevuto più voti ottengono quindi più seggi dei partiti con meno voti. Nelle elezioni secondo il sistema maggioritario, i/le candidati/e sono eletti/e direttamente. Viene eletta la persona che ottiene il maggior numero di voti.

In Svizzera, nella maggior parte dei Cantoni, le elezioni del Consiglio nazionale si svolgono secondo il sistema proporzionale. I seggi nel Consiglio nazionale di un Cantone sono così distribuiti ai vari partiti in base al numero di voti che ottengono. Da elettore/elettrice, si sa quale partito riceve il proprio voto, ma non si ha la certezza su quale candidato/a di questo partito entrerebbe in Parlamento. Le persone che ricevono il maggior numero di voti all’interno di un partito vengono elette in Parlamento e non necessariamente i nomi indicati dal singolo elettore/dalla singola elettrice.

Esempio: in un'elezione in un Cantone con 10 seggi, un partito riceve il 20% di tutti i voti (il partito ha una lista). Questo partito ha quindi diritto al 20% dei seggi, cioè a due seggi. Solo in una seconda fase, i seggi sono assegnati all’interno del partito alle persone che hanno ricevuto il maggior numero di voti.

A differenza di un'elezione secondo il sistema maggioritario, per essere eletti non si ha bisogno di più del 50% dei voti. Il sistema proporzionale offre quindi ai partiti più piccoli la possibilità di ottenere dei seggi, cosa più difficile in un’sistema maggioritario.

sovranità

Il principio di sovranità significa che uno Stato è indipendente da altri Stati. Ad esempio, la Francia non può introdurre delle leggi in Svizzera, come la Svizzera non può introdurre leggi in Germania. Un paese decide il suo destino da solo. Tuttavia, un paese deve rispettare alcune regole come gli accordi internazionali.

sovvenzione

Le sovvenzioni consentono allo Stato di fornire sostegno finanziario alle imprese in determinati settori dell'economia. L'obiettivo è quello di promuovere dei settori economici socialmente riconosciuti ma con difficoltà economiche. Ad esempio, l'agricoltura, l'istruzione, la cultura e le relazioni con l’estero sono sovvenzionate. Lo Stato (ossia la Confederazione, il Cantone o il Comune) può dare dei fondi direttamente a queste imprese o richiedere loro imposte più basse.

stralcio stralciare

Nelle elezioni secondo il sistema proporzionale, gli elettori e le elettrici ricevono schede elettorali, la maggior parte delle quali contengono già i nomi dei candidati e delle candidate. Queste cosiddette liste elettorali possono ancora essere modificate dagli elettori/dalle elettrici. Si parla di stralcio, cumulo e panachage. Stralciare significa barrare il nome di un/a candidato/a sulla lista elettorale, in modo da non contribuire ad eleggerlo/a.

tassa d'incentivazione

Una tassa d’incentivazione ha lo scopo di orientare il comportamento delle persone. Ciò avviene, aumentando i prezzi di certi prodotti affinché il consumo di questi si diminuisca. Ad esempio, esiste una tassa sul CO2. La tassa sul CO2 rende l’olio da riscaldamento e il gas naturale più costosi, in modo che i consumatori scelgano energie a bassa emissione di CO2 (ad es. energie rinnovabili).

tasse

Lo Stato ha varie entrate, fra cui imposte e tasse. L'ammontare delle imposte dipende dall'ammontare dell'oggetto tassato. Ad esempio, l'ammontare dell'imposta sul reddito dipende dall'ammontare del reddito. Anche l'ammontare dell'IVA dipende dall'ammontare del prezzo di acquisto. Per queste imposte, non si riceve in cambio nulla di concreto . Le tasse, invece, sono pagate per un servizio specifico fornito dallo Stato. Ad esempio, si deve pagare una tassa per il rilascio di un nuovo passaporto o di un permesso di costruzione. L'importo della tassa è fisso e uguale per tutti.

unione monetaria

Una valuta è un certo tipo di mezzo di pagamento, come, ad esempio il franco svizzero, l'euro o il dollaro USA. Fondamentalmente, la maggior parte dei paesi ha la propria valuta. Un'unione monetaria è un'unione di paesi che hanno la stessa moneta. Questo è il caso, per esempio, nella zona euro. Tutti i paesi della zona euro hanno l'euro come valuta. I paesi che sono in un'unione monetaria e hanno la stessa moneta hanno anche una politica monetaria comune (moneta intera).