Legge sui trapianti15. Maggio 2022

Obiettivo: Modificare la legge sui trapianti. Se una persona non vuole donare i propri organi dovrà iscriversi in un registro. 

Legge sui trapianti

Situazione attuale

In Svizzera, se una persona in vita ha acconsentito alla donazione di organi, i suoi organi possono essere donati dopo la morte. Si tratta del modello del consenso. Spesso però la volontà della persona deceduta è sconosciuta e i parenti devono decidere in merito alla donazione degli organi della persona deceduta.

Il Consiglio federale e il Parlamento hanno elaborato un controprogetto indiretto a un'iniziativa popolare per aumentare il numero di donazioni di organi in Svizzera. Contro il controprogetto indiretto è stato lanciato un referendum. Per questo motivo siamo ora chiamate e chiamati a votare.

Che cosa cambierebbe?

Se il controprogetto indiretto viene accettato, la legge sui trapianti verrà modificata. Il modello del consenso presunto sostituisce quindi il modello del consenso. Secondo il modello del consenso presunto, una persona in vita che non vuole donare i propri organi deve iscriversi in un registro. 

I parenti possono ancora rifiutare la donazione di organi se sanno o sospettano che la persona deceduta non voleva donare i propri organi. Se nessun parente è raggiungibile, nessun organo può essere donato.

Argomenti dei favorevoli

  • Con il modello del consenso presunto le persone in attesa di una donazione di organi hanno maggiori possibilità di ricevere una donazione.
  • Se i parenti sospettano o sanno che la persona deceduta non voleva donare i propri organi, possono ancora rifiutare la donazione.
  • Il modello del consenso presunto aiuta i parenti se non conoscono la volontà della persona deceduta.

Argomenti dei contrari-e

  • Poiché non tutte le persone possono decidere sul proprio corpo, il modello del consenso presunto viola la Costituzione.
  • Gli interventi medici richiedono il consenso delle persone interessate. Dovrebbe rimanere così anche per la donazione di organi.
  • I parenti hanno un carico troppo grande perché devono dimostrare che la persona deceduta non voleva una donazione di organi.

Più Informazioni

Donatrici e donatori di organi

Modello del consenso

Se una persona in vita ha espresso il consenso alla donazione dei propri organi oralmente ai suoi familiari o per iscritto, allora i suoi organi, tessuti o cellule possono essere prelevati in caso di morte ai fini di una donazione. Questo consenso può essere dato, ad esempio, tramite una carta di donazione di organi o tramite un'iscrizione digitale nel registro nazionale di donazione di organi. In più del 50% dei casi, la volontà della persona deceduta non è nota. I familiari devono poi decidere se e quali organi donare. Questa procedura è chiamata modello del consenso esteso, poiché i familiari sono autorizzati a prendere una decisione nel caso in cui la volontà della persona deceduta non sia conosciuta.

Quali organi possono essere donati?

In Svizzera si possono donare cuore, polmoni, fegato, reni, intestino tenue e pancreas. Si possono trapiantare anche tessuti come cornea, vasi sanguigni o valvole cardiache. I reni e parti del fegato possono anche provenire da donatrici o donatori viventi.

Donazione di organi da persone decedute 

Prima che gli organi vengano rimossi da una persona deceduta, due medici devono accertarne la morte cerebrale in maniera indipendente. La morte cerebrale di una persona si verifica quando l'intero cervello non mostra più alcuna attività e non può più percepire alcuno stimolo. Con la morte cerebrale, anche tutti gli altri organi perdono la loro funzione vitale. La morte cerebrale può essere causata, ad esempio, da emorragia cerebrale, ictus, mancanza di ossigeno o trauma cranico in caso di incidente. Chi muore in casa non può donare organi, poiché i preparativi medici necessari per la donazione sono possibili esclusivamente nel reparto di cure intensive dell’ospedale. L'età della donatrice o del donatore non gioca alcun ruolo nella donazione: il più vecchio donatore di organi in Svizzera aveva 88 anni! L'età media delle donatrici e dei donatori di organi è di circa 55 anni.

Coordinamento

Swisstransplant

Swisstransplant è l'organizzazione responsabile della donazione e del trapianto di organi in Svizzera. L’organizzazione gestisce una lista d'attesa per le persone che hanno bisogno di una donazione (= registro nazionale di donazione di organi) e assegna gli organi alle destinatarie e ai destinatari. La fondazione, che ha sede a Berna, organizza inoltre tutto ciò che riguarda l’assegnazione degli organi, come ad esempio il trasporto degli stessi. 

Assegnazione

Per fare in modo che il trapianto di uno o più organi abbia successo, i valori del sangue e dei tessuti devono corrispondere il più possibile tra donatrice o donatore e ricevente. Swisstransplant cerca riceventi adatte o adatti nel registro nazionale di donazione di organi. La preferenza è data alle persone che si trovano in immediato pericolo di vita.

Centri di trapianto

In Svizzera, ci sono sei ospedali che possono trapiantare organi. Si tratta degli ospedali universitari di Ginevra, Losanna, Berna, Basilea e Zurigo, e dell'ospedale cantonale di San Gallo. Ogni ospedale è specializzato nel trapianto di certi organi.

Trasporto

Gli organi devono essere trasportati molto rapidamente, dato che senza circolazione sanguigna perdono funzionalità appena dopo qualche ora. Ecco perché vengono trasportati con ambulanze, elicotteri o addirittura jet.

Riceventi di organi 

Lista d’attesa

Attualmente in Svizzera sono circa 1400 le persone in attesa di una donazione di organi. La maggior parte di loro – oltre 1100 pazienti – ha bisogno di un nuovo rene. Il tempo medio di attesa per un rene è di circa 1000 giorni. Il tempo di attesa per gli altri organi è solitamente più breve. Ogni anno muoiono circa 70 persone mentre sono in lista d'attesa, perché l'organo adatto non è a disposizione in tempo.

Immunosoppressori

Una volta avvenuto il trapianto, le pazienti e i pazienti devono assumere i cosiddetti immunosoppressori per il resto della loro vita. Si tratta di farmaci che riducono le risposte del sistema immunitario, impedendo così che il corpo rigetti l'organo trapiantato. 

Anonimato

In tutta la Svizzera vige la regola che donatrice o donatore e ricevente non debbano conoscersi. In questo modo si vuole proteggere sia i familiari della donatrice o del donatore che la persona ricevente da ulteriori carichi emotivi. Tuttavia, la piattaforma di Swisstransplant permette di inviare lettere di ringraziamento anonime.

Hai ancora qualche domanda? Allora scrivici a info@easyvote.ch. Saremo felici di rispondere a tutte le tue domande sulla Legge sui trapianti e sul sistema politico della Svizzera😊.