PanoramicaEcco i temi trattati in questo dossier

  • Che cos’è il cambiamento climatico?
  • Quali sono le cause del cambiamento climatico? 
  • Quali sono le conseguenze del cambiamento climatico?
  • Quali sono le misure contro il cambiamento climatico?

Principi di baseChe cos’è il cambiamento climatico?

Il clima è sempre stato soggetto a cambiamenti nel corso della storia. Si parla di cambiamento climatico quando le condizioni climatiche si modificano nel corso di un periodo prolungato. Se, ad esempio, un anno si verifica un’estate molto calda, non si tratta di cambiamento climatico. Se, però, si registrano temperature medie estive sempre più elevate nel corso di più decenni, allora si parla di cambiamento climatico.

Il nostro pianeta è soggetto a continui cambiamenti climatici: c’erano tempi in cui faceva più caldo, e tempi in cui faceva più freddo.

Oggigiorno possiamo notare la presenza di un cambiamento climatico nei termini appena descritti. Tra il 1880 e il 2012, la temperatura terrestre (valore medio di terra e acqua) è aumentata di 0.85°C. Dal 1950 ad oggi l’aumento di calore è stato di 0.5°C.

Questo rapido cambiamento climatico non può più essere giustificato da sole cause naturali. L’uomo ha un’influenza sul clima terrestre.

Il grafico mostra l’aumento delle temperature. I valori annui sono messi a confronto con la temperatura media tra gli anni 1951–1980. La linea blu mostra le temperature annue. La linea rossa mostra la media delle temperature per ogni lustro. Osservazioni (esempio): nel 1820 era più freddo di circa 0.2°C rispetto agli anni 1951–1980. Il 2017 è stato più caldo di 0.9°C rispetto agli anni 1951–1980. (Fonte: Climate Change 2014 Synthesis Report Summary for Policymakers, wikipedia.org)

Quali sono le cause del cambiamento climatico?

L’uomo è responsabile del cambiamento climatico?

Il cambiamento climatico è un tema ricorrente in politica. La politica fa anche affidamento al sapere della scienza. La scienza sta cercando di spiegare le cause del cambiamento climatico.

Fondamentalmente, tra le cause del cambiamento climatico sono riconosciuti fattori sia naturali che umani. Tra i fattori naturali troviamo, ad esempio, i vulcani, l’attività solare e i cambiamenti delle correnti marine. Tra i fattori umani contiamo, ad esempio, l’uso di olio combustibile.

Non c’è però un’opinione unanime sull’incidenza che i rispettivi fattori hanno sul cambiamento climatico. Alcuni sono dell’idea che non esista alcun cambiamento climatico. Altri credono che sia rilevabile un certo cambiamento climatico, ma non causato dall’uomo.

La stragrande maggioranza della comunità scientifica è dell’opinione che il cambiamento climatico sia causato da fattori sia naturali che umani. Non si può spiegare il cambiamento climatico con la sola presenza di cause naturali. Si è convenuto che il cambiamento climatico è causato anche da fattori umani. L’uomo ha un’influenza sul clima terrestre.

Effetto serra

L’effetto serra permette all’essere umano di vivere in un’atmosfera gradevole. Nel corso degli ultimi cento anni, però, è stato emesso sempre più CO2 nell’atmosfera. La conseguenza di ciò è che quest’ultima trattiene al suo interno sempre più calore.

Immaginiamo una serra dove coltiviamo la nostra verdura. I raggi solari penetrano attraverso la pellicola trasparente e riscaldano il terreno. Il calore però non può più scappare fuori e riscalda così l’ambiente dentro la serra.

Lo stesso succede anche alla Terra. Solo che al posto della pellicola trasparente, la terra è circondata da un numero sempre maggiore di gas serra. I gas serra sono prodotti, tra le altre cose, dalla combustione di fonti energetiche come petrolio, carbone o gas.

La combustione di petrolio produce l’emissione e il rilascio di CO2 nell’atmosfera terrestre. Questo gas ha un effetto simile alla pellicola di plastica che ricopre la serra: i raggi solari raggiungono la terra. Non tutte le radiazioni di calore, però, fuoriescono dall’atmosfera.

Questo perché i raggi solari sono radiazioni di calore ad onde corte. Essi penetrano sulla terra attraverso l’atmosfera. Il terreno li riflette come radiazioni di calore ad onde lunghe, la maggior parte delle quali rimangono nell’atmosfera.

Quali sono le conseguenze dell’effetto serra? 

Conseguenze nel mondo

Il cambiamento climatico colpisce tutti noi in modi diversi. In tutto il mondo si registrerà un aumento delle temperature medie. Le conseguenze sono svariate: il clima cambierà in maniera diversa a seconda della zona. Ad esempio, mentre le regioni costiere vedranno un innalzamento del livello dei mari, altre regioni saranno maggiormente colpite dalla siccità.

  • Alcune possibili conseguenze del cambiamento climatico sono l’aumento delle temperature e cambiamenti stagionali delle precipitazioni. Ciò renderà il clima estremo. Tempeste, alluvioni e nevicate potranno essere più frequenti e più intense. Un tale clima estremo può danneggiare o distruggere le infrastrutture.

L’uragano Katrina nel 2005. Uragani di entità sempre maggiore potrebbero verificarsi sempre di più. (Fonte: wikipedia.org)

  • Siccità prolungate possono danneggiare l’agricoltura e rendere difficile la disponibilità di cibo e aqua in certe zone. La salute umana nelle città sarà minacciata dalla cattiva qualità dell’aria dovuta all’aumento delle temperature.
  • Innalzamento del livello dei mari: si teme che entro il 2100 il livello dei mari subisca un innalzamento compreso tra i 25 e gli 80 centimetri. Le regioni costiere saranno minacciate da mareggiate. L’aumento del livello dei mari potrebbe rendere alcune regioni non abitabili.
  • Gli oceani diventeranno più caldi e acidi, causando la possibile morte delle barriere coralline. Anche l’ecosistema di molte regioni ne risentirà.

Il cambiamento climatico porta ad altre possibili conseguenze, di cui talvolta è difficile fare una stima::

  • Il cambiamento climatico può avere effetti negativi sull’economia mondiale e sulla nutrizione.
  • Alcune specie potrebbero estinguersi.
  • È altrettanto possibile che si registrino nuovi movimenti migratori dovuti ai rifugiati climatici.

 

Conseguenze del cambiamento climatico in Svizzera

Negli ultimi decenni, in Svizzera è stato registrato un aumento delle temperature al di sopra della media. La temperatura media di oggi supera di 2°C quella del 1864. La Svizzera è toccata  dal cambiamento climatico in maniera anche più evidente rispetto ad altre zone.

Il grafico mostra la variazione della temperatura annua messa a confronto con la media tra gli anni 1951–1980. 
Osservazioni (esempio): il 1920 è stato in media più caldo di quasi 1°C rispetto agli anni 1864–1900.
(Fonte: meteoschweiz.ch)

Il cambiamento climatico influenza la Svizzera sotto i seguenti punti di vista:

  • Disgelo del permafrost. Il permafrost è un terreno perennemente ghiacciato. Il disgelo del permafrost può comportare frane e smottamenti.
  • Scioglimento dei ghiacciai.
  • Innalzamento del limite delle nevicate. Le stazioni sciistiche situate ad una quota più a bassa in futuro saranno sempre meno innevate.
  • Cambiamenti nella composizione delle specie. Le nuove condizioni climatiche (meno piogge, estati più calde) influiranno sulla composizione di flora e fauna.
  • Rischi per la salute legati ai giorni estivi. Sono in aumento i periodi prolungati di giornate particolarmente calde, che possono risultare dannose per la salute o addirittura mortali, soprattutto per le persone deboli e anziane.
  • Ci si attende un aumento di fenomeni meteorologici estremi, tra cui tempeste, ondate di caldo, alluvioni, ma anche abbassamenti di temperatura e altri fenomeni.

I ghiacciai come quello del Rodano nel Cantone del Vallese si stanno sciogliendo. 
(Quelle: wikipedia.org)

Quali sono le misure adottate? 

Conferenza sul clima

La scienza sta cercando di spiegare come sta avvenendo il cambiamento climatico e quali sono le conseguenze che ci attendono. La politica deve decidere come reagire al cambiamento climatico. Due sono gli argomenti di discussione: se bisogna reagire, e come bisogna reagire.

Il cambiamento climatico riguarda il mondo intero. Nel 1980 a Ginevra si è tenuta la prima conferenza mondiale sul clima, e da allora se ne sono tenute 21.

Tra gli esiti più decisivi ricordiamo la convenzione quadro sui cambiamenti climatici di Rio nel 1992, il protocollo di Kyoto nel 1997 e la conferenza sul clima di Parigi nel 2015. Nel protocollo di Kyoto le nazioni industrializzate si sono impegnate a non emettere valori di CO2 più elevati rispetto al 1990. Nel 2015, 195 Paesi hanno firmato l’accordo di Parigi sul clima. L’accordo mira a garantire che la temperatura media terrestre non aumenti di oltre 2°C rispetto ai livelli preindustriali.

Misure in Svizzera

La Svizzera ha aderito all’accordo di Parigi sul clima. Di conseguenza, la Svizzera si è impegnata a ridurre le emissioni di gas serra rispetto al 1990:

  • Entro il 2030 le emissioni di gas serra saranno dimezzate.
  • Entro il 2050 le emissioni di gas serra dovrebbero essere ridotte del 70.85 %.

La Svizzera si sta preparando al cambiamento climatico. Da un lato vengono prese delle misure per ridurre le emissioni di gas serra e per rallentare così il cambiamento climatico (vedi Strategia energetica 2050). Dall’altro lato vengono adottate delle misure per prepararsi agli effetti del cambiamento climatico.

Adattamenti al cambiamento climatico

In futuro la Svizzera sarà toccata  dagli effetti del cambiamento climatico (vedi conseguenze cambiamento climatico). La Svizzera deve adeguarsi al cambiamento climatico. La Confederazione ha elaborato una strategia per coordinare le azioni (più informazioni).